Consiglio Siciliano della Caccia
 

Consiglio Siciliano

L Associazione vicina ai Cacciatori

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

10/05/2010 - TASSA SUI FONDI CHIUSI: IMPUGNATA DAL COMMISSARIO DELLO STATO LA NORMA ISTITUTIVA.

L’articolo della Finanziaria 2010 della Sicilia che prevedeva una tassa di € 10,00 per ogni ettaro sui terreni preclusi all’attività venatoria, con l’indicazione “Fondi chiusi” è stata impugnata dal Commissario dello Stato per la Regione Siciliana dr. Michele Lepri Gallerani. Secondo il Commissario dello Stato “L’ articolo 6,…, sembra essere confliggente anche con la “ratio” della legge 157/1992 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”. Detta legge autorizza infatti le Regioni ad istituire soltanto una tassa di concessione (art. 23) per il rilascio dell’abilitazione all’esercizio venatorio i cui proventi devono essere utilizzati per l’erogazione di un contributo in favore dei proprietari e/o conduttori di fondi inclusi nel piano faunistico-venatorio, ai fini della gestione programmata della caccia. Nessun onere ulteriore, oltre alla motivata istanza ai competenti organi amministrativi, è invece posto a carico del proprietario che intende vietare sui propri fondi l’esercizio della attività venatoria. L’istituzione della tassa in questione inoltre verrebbe a costituire anche un ingiustificato gravame al diritto di proprietà ed una disparità di trattamento dei proprietari terrieri dell’isola rispetto a quelli del rimanente territorio nazionale.La particolare autonomia di cui gode la Regione Siciliana ex art. 36 dello Statuto Speciale non può giustificare una deroga a quanto sopra esposto.”

29 APRILE 2010 - PARCO DEI MONTI PELORITANI: SVENTATA COSTITUZIONE?

Dalla lettura dei quotidiani della cronaca parlamentare all'ARS sulla finanziaria regionale emerge che è stata bloccata sul nascere la proposta di fare istituire all'assessore al territorio MPA Di Mauro il Parco dei Monti Peloritani "caro al PD Panarello". E' stata sventata (ancora per quanto?) la mossa trasversale che ha consentito analoga cosa col Parco dei Monti Sicani nella scorsa finanziaria regionale. Qualcuno afferma che ha vinto il partito del cemento e dei cacciatori (quale?). Per noi ha vinto la LEGALITA' che significa avere rispetto per le leggi. Nel nostro caso il rispetto della quota del 25% da destinare a protezione. A Messina ma anche a Palermo e in altre province siamo ben oltre e con i paventati nuovi parchi sia regionali (Sicani) che nazionali (Iblei) ci si avvicinerà al 100% del territorio chiuso all'attività venatoria. Chiedere il rispetto della legge è forse fare parte di "un partito"? Se si, bene: facciamo parte di un partito!

 

26 APRILE 2010 - CONCLUSA LA RIUNIONE PER IL CALENDARIO VENATORIO

Alle 20,30 circa si è conclusa all'Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari la riunione convocata per la discussione del Calendario Venatorio per la stagione 2010/2011. Presente l'Assessore Bufardeci è stata data lettura della bozza del Calendario Venatorio come proposto dall'Amministrazione. Sono seguiti diversi interventi con ulteriore replica dei funzionari del Servizio XI. E' stata data lettura delle osservazioni che le AA.VV. hanno rappresentato all'On. Bufardeci nella riunione della scorsa settimana che in calce vi proponiamo. L'Assessore ha replicato che fatte le necessarie valutazioni il Calendario potrebbe esssere esitato già questa settimana o al massimo entro la prossima. Abbiamo colto nelle parole dell'Assessore la volontà di trovare la giusta valutazione delle prposte pervenute in seno al Comitato. Sulla bozza del C.V. le Associazioni Venatorie hanno, comunque, espresso una valutazione sostanzialmente negativa. Attendiamo sviluppi.

leggi osservazioni

 

 

26 APRILE 2010 - CALENDARIO VENATORIO: ULTIMO ATTO?

Dopo dieci giorni, alle ore 16,  torna a riunirsi il Comitato Regionale Faunistico Venatorio per discutere sulla bozza del Calendario Venatorio come predisposto dall'Amministrazione. Abbiamo giudicato questa bozza negativamente e così tutte le altre AA.VV. Vi abbiamo dato notizia dell'incontro con l'On. Bufardeci al quale sono stati  sottoposti alcuni punti "critici" del Calendario. Abbiamo notizia che anche la Sen. Maraventano della Lega Nord è stata ricevuta dall'Assessore per problematiche inerenti alla caccia nelle Isole Minori fortemente penalizzate come per la verità tutte le altre isole  dalle norme del Calendario Venatorio. Sapremo raccontarvi come andrà a finire.

 22 APRILE 2010 - CALENDARIO VENATORIO: INCONTRO CON L'ASS. BUFARDECI

COMUNICATO STAMPA

 Oggi le Associazioni Venatorie sono state ricevute dall’Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Alimentari On. Giambattista Bufardeci, alla presenza del dirigente del Settore Faunistico dell’Assessorato. In questa riunione, che si è svolta in modo sereno e, speriamo, produttivo per noi cacciatori, le Associazioni Venatorie hanno evidenziato il proprio disaccordo su questi punti:

-         Periodi di apertura dell’Attività Venatoria;

-         Periodi di apertura nelle zone SIC e ZPS;

-         La mancanza, nel calendario venatorio, dell’indicazione delle zone chiuse all’attività venatoria in quanto rotte di migrazione, come fatto notare, nella passata stagione, dalla sentenza del Tar di Palermo.

 19 APRILE 2010 - NUOVA CONVOCAZIONE COMITATO REGIONALE FAUNISTICO VENATORIO

E' pervenuta oggi la convocazione per il prossimo 26/4 del Comitato Regionale Faunistico Venatorio che discuterà del Calendario Venatorio per la stagione venatoria 2010/2011.

 16 APRILE - RIUNIONE DEL COMITATO NO PARCO DEGLI IBLEI.

Giorno 14 u.s. presso la sede prov.le della F.S.d.C. di Siracusa, si sono riunite i seguenti rappresentanti delle associazione che fanno parte del COMITATO NO PARCO DEGLI IBLEI:

per le Associazioni Venatorie: FEDERAZIONE SICILIANA DELLA CACCIA, ARCI CACCIA, ENAL CACCIA, CONSIGLIO SICILIANO DELLA CACCIA P.A.C.S, ASSOCIAZIONE LIBERI CACCIATORI DI PACHINO.

 per le Associazioni ambientaliste:

Ambiente e Vita, Natur Club.

 Associazioni Agricole:

Confagricoltura, Unione agricoltori Provinciale, Federcoltivatori.

 Hanno partecipato anche alcuni dirigenti di altri enti provinciali e regionali che hanno assistito alla discussione di merito.

Dopo una riesamina delle  problematiche di vario genere che verrebbe a comportare la istituzione di detto parco nella provincia di Siracusa si è convenuto di dare mandato all’avv. Mallia per diffidare gli enti pubblici che hanno competenze alla costituzione del detto malaugurato parco nell’area aretusea.

Altresì, è stata fatta richiesta al Presidente del Consiglio Comunale  di Siracusa di convocare una seduta del consiglio. La richiesta è stata accettata quindi il giorno 23 aprile p.v. saremo in consiglio comunale per esternare le nostre contrarietà alla identificazioni dell’area da destinare al parco degli Iblei, mi auguro che la seduta sarà assistita da molti portatori d’interessi antiparco.

 Il Commissario ad acta di Siracusa Alfio Politi

16 APRILE 2010 - SOS ANCORA PARCHI NELLA SICILIA

Porto a conoscenza di tutti, l’articolo seguente apparso stamani su un giornale locale  (www.tempostretto.it).  Giovanni Mafodda

 L'Udc lancia un'idea: l'Ente Parco dei Monti Peloritani

La costituzione è sponsorizzata dai consiglieri provinciali Francilia e Muscarello: "Straordinario potenziale economico, sociale, turistico, ma anche per il reperimento di fondi per la viabilità ricadente all'interno del Parco"

Stamane, i Consiglieri Provinciali dell’Udc, Matteo Francilia e Nino Muscarello, hanno presentato una mozione per la costituzione dell’Ente Parco dei Monti Peloritani. La mozione, impegna il Presidente della Provincia Regionale di Messina Nanni Ricevuto, ad attivarsi, nei confronti dell’Assessorato Regionale al Territorio ed Ambiente e dei Parlamentari Regionali Messinesi, e dei Sindaci dei Comuni interessati, onde avviare tutte le procedure necessarie, per pervenire all’individuazione e costituzione dell’ente Parco dei Monti Peloritani, stante al riguardo la necessità di una legge ad hoc. La costituzione dell’Ente Parco Dei Peloritani – dichiarano Francilia e Muscarello - rappresenterebbe, per la nostra Provincia e per i Comuni ricadenti nell’area dei Peloritani, uno straordinario volano di sviluppo economico e sociale. Potenzialmente la costituzione del Parco dei Peloritani, interesserebbe il territorio di oltre 30 Comuni della Provincia Di Messina, 0 tirrenica compresa la città capoluogo, all’interno dei quali innumerevoli sono i beni architettonici ed ambientali, che in una strategia di promozione turistica acquisirebbero una maggiore rilevanza». I due consiglieri della zona jonica rilevano come con questa iniziativa si potrebbe anche puntare al reperimento di maggiori fondi per la viabilità provinciale ricadente all’interno del Parco, per i sentieri e per le strade di penetrazione agricola, opere fondamentali per la promozione di tutte le iniziative finalizzate alla valorizzazione del territorio a fini turistici - occupazionali e più in generale per assicurarne la fruizione ed il godimento sociale. «La costituzione del Parco Dei Peloritani – concludono Francilia e Muscarello -quale strumento di tutela e valorizzazione, avrebbe l’effetto, se attentamente gestito, di potenziare, tramite i notevoli contributi previsti dalla normativa esistente, promuovere e valorizzare, l’immenso ed importante patrimonio ricadente nell’area dei Monti Peloritani della Provincia di Messina».

15 APRILE 2010 - CALENDARIO VENATORIO: FUMATA NERA

Oggi c'è stata la riunione in Assessorato Regionale delle Risorse Agricole per l'esame della bozza del CV 2010-2011. La riunione ha avuto inizio alle 11,30. Presenti l'Assessore Bufardeci, il Dirigente Generale Barresi, il Capo di Gabinetto Lonzi, il Dirigente ad interim del Servizio XI Sinatra oltre ai rappresentanti di quasi tutte le AAVV, le associazioni agricole, il rappresentante dell'ENCI  e, dulcis in fundo, degli ambientalisti. Una presenza significativa dell'Amministrazione non si era mai vista. Dopo una breve premessa dell'Assessore che ha tracciato la linea dei lavori del Comitato con l'augurio di un confronto sereno tra le varie componenti ha chiesto di intervenire a nome delle Associazioni Venatorie presenti l'Avv. Evola ponendo una pregiudiziale alla continuazione dei lavori. Infatti sia la convocazione che il materiale esame della copiosa documentazione fornita non è stata appannaggio di tutti i componenti il Comitato. Dopo un breve intervento del Dirigente del Servizio che ha chiarito di avere spedito contemporaneamente e-mail e raccomandate ai Componenti l'Assessore ha ritenuto fondata la pregiudiziale è ha convocato seduta stante per i presenti la riunione per il 26 Aprile 2010 alle ore 16.00. Successivamente le AA.VV. presenti hanno stilato il seguente comunicato...leggi tutto

Le Associazioni Venatorie facenti parte del Comitato Faunistico Venatorio Regionale

COMUNICATO STAMPA

Oggi si è riunito il C.F.V.R. presieduto dall’On. Assessore Giambattista Bufardeci per decidere tra le altre il C. V. 2010-2011. Tutte le Associazioni Venatorie, in via pregiudiziale, al fine di esaminare tutti gli atti che hanno portato alla stesura della bozza di C. V. hanno richiesto il rinvio della riunione del Comitato.

La proposta è stata fatta propria dall’On. Assessore, il quale ha riconvocato il Comitato per il 26 Aprile alle ore 16.

I Presidenti delle Associazioni Venatorie

Palermo 15/04/2010

14 APRILE 2010 - Domani riunione in Assessorato Regionale delle Risorse Agricole (questa la nuova denominazione del vecchio assessorato all'Agricoltura) ci sarà la riunione per il CV 2010-2011. Siamo fortemente delusi da questa bozza che introduce degli elementi destabilizzanti sull'attività venatoria. Ci riferiamo alla nota dell'Assessorato all'Ambiente che impone in molte ZPS l'apertura della caccia dopo il 14/11. Il supporto scientifico per questa assurda decisione non è menzionato...però è vietata la caccia alla Pernice Bianca!!!!!!!!!!!!!

Domani vi ragguaglieremo più approfonditamente

9 APRILE - ULTIMORA CALENDARIO VENATORIO 2010/2011: CONVOCATO IL COMITATO REGIONALE FAUNISTICO VENATORIO

E' stato convocato per giovedì 15/4 il Comitato Regionale Faunistico Venatorio che dovrà esprimere il proprio parere sulla bozza di Calendario Venatorio presentata dall'Amministrazione Regionale. Su questa bozza ci confronteremo presso la ns. sede Lunedì 12 Aprile alle ore 21. Chi non potrà partecipare è invitato a fare pervenire all'indirizzo mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. le proprie osservazioni.Vi terremo informati sull'esito della riunione.
Visualizza i seguenti documenti:

Convocazione
Allegato A CV 2010/11
Allegato B CV 2010/11
Nota Territorio e Ambiente
Parere ISPRA

7 APRILE - PARCO DEI MONTI SICANI www.parcopolinograzie.it è il sito nato per vigilare sull'istituendo Parco. E' la risposta all'Associazione - denominata allo stesso modo - per difendere la popolazione dei Sicani contro quella che appare un'azione di sopruso.

 

22 MARZO 2010 - NO AL PARCO DELLE EOLIE - IL COORDINAMENTO DI MESSINA SCRIVE ALLA GAZZETTA DEL SUD

9 MARZO 2010 - Grande raduno a Roma per manifestare per il rispetto e la continuità della tradizione rurale, ruralità che secondo l'on. Berlato si legge caccia, nonostante le avversità atmosferiche un numero consistente di cacciatori, circa 100.000, eravamo presenti per manifestare a favore dell'attività venatoria, la modifica della legge 157/92 e la 394/91, la Confavi in particolare capeggiata dalla dott.ssa Carretta deteneva la percentuale maggiore di presenze, piccoli gruppi di associazioni venatorie, associazioni di coltivatori ed allevatori, purtroppo con grande rammarico ho potuto constatare la esigua partecipazione dei cacciatori siciliani nonostante il particolare momento che attraversano per la costituzione dei vari parchi nell'isola che andrebbe a condizionare l'attività venatoria. Sopratutto si è notata l'assenza delle associazioni siciliane con il numero di iscritti maggiori, difatti solo alcuni singoli cacciatori hanno partecipato alla manifestazione per iniziativa propria, le sole associazioni siciliane che si sono viste alla manifestazioni erano, la ASCN, ANLC, CONSIGLIO SICILIANO DELLA CACCIA, tutte le altre associazioni dei cacciatori non si sono notati. Questa assenza dovrebbe essere motivo di riflessione per gli associati, nessuno può credere di essere in possesso della lampada di aladino per migliorare l'attività venatoria nella regione sicilia, Il sottoscritto dopo la manifestazione ed i relativi discorsi dell'on. Berlato,sen. Orsi,presidente Carretta ed assessore Donezzan,  oltre ad altri rappresentanti di associazioni di categoria si è intrattenuto per rifocillarsi presso una tavola calda della capitale, con l'on.Berlato e la presidente Carretta con l'occasione ha caldeggiato un intervento alla commissione del Senato per il problema dei parchi che incombe in sicilia.

Orgoglioso dell'operato, nonostante le intemperie scontrate e la bassa temperatura in essere, la strada percorsa sotto la fitta pioggia a piedi, la fatica sostenuta per raggiungera la capitale, posso assicurarvi di essere felice nell'aver apportato il sostegno alla protesta affinchè venga mantenuta e migliorata l'attività venatoria per tutti gli appassionati siciliani.    (Alfio Politi, Commissario ad acta - Siracusa)

Pagina 37 di 37

You are here