Calendario Venatorio: il TAR respinge ricorso UNAVES
 

Consiglio Siciliano

L Associazione vicina ai Cacciatori

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

 

29 AGOSTO 2019 - CALENDARIO VENATORIO: IL TAR RESPINGE RICORSO UNAVES E ALTRI

ULTIMORA


Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Seconda) ha respinto il ricorso proposto da Anca, Federazione Siciliana della Caccia, Italcaccia, Liberi Cacciatori Siciliani, Unaves, Cpas, Stefano Privitera, Giuseppe Impallomeni, tendente ad ottenere la parziale sospensione del Calendario Venatorio 2019/2020.

 

Il Giornale di Sicilia online riporta in queste ore:

 

“Non è ravvisabile un danno che giustifichi l’accoglimento dell’istanza di sospensione del calendario faunistico venatorio” emesso nei giorni scorsi dall’Assessore regionale per l’Agricoltura Edy Bandiera. Si pronuncia così il TAR Sicilia sul ricorso proposto da Federazione Siciliana della Caccia, Italcaccia, Anca, Liberi cacciatori siciliani, Unaves, Cpas, Stefano Privitera, Giuseppe Impallomeni, per la mancata inclusione tra le specie cacciabili in regime di pre apertura della tortora ed ancora per il divieto assoluto di caccia nel territorio facente parte dell’ex istituendo Parco Regionale dei monti Sicani. In sede di Comitato venatorio, infatti, proprio al fine di evitare l’interruzione dell’attività venatoria siciliana, l’Assessore Bandiera ha tenuto conto delle indicazioni dell’ISPRA (Istituto Superiore di Ricerca Ambientale) e del Ministero dell’Ambiente che ritengono accettabile “un prelievo della specie anche per questa stagione venatoria, ma, al contempo disponendo che le Regioni evitino l’autorizzazione in pre apertura”.

 

Questo ll Decreto nella versione integrale.

Pubblicato il 27/08/2019

N. 00922/2019 REG.PROV.CAU.

N. 01830/2019 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA

Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia

(Sezione Seconda)

 

Il Presidente

ha pronunciato il presente

 

DECRETO

sul ricorso numero di registro generale 1830 del 2019, proposto da Anca, Federazione Siciliana della Caccia, Italcaccia, Liberi Cacciatori Siciliani, Unaves, Cpas, Stefano Privitera, Giuseppe Impallomeni, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentati e difesi dagli avvocati Giovanni Di Giunta, Alfio Barbagallo, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia;

contro

Assessorato Regionale dell'Agricoltura dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea non costituito in giudizio;

per l'annullamento

previa sospensione dell'efficacia,

Annullamento parziale, previa istanza di sospensione presidenziale ex art. 56 c.p.a., del calendario venatorio regionale 2019/20.

 

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Vista l'istanza di misura cautelare monocratica proposta dai ricorrenti, ai sensi dell'art. 56 cod. proc. amm.;

Considerato che, a prescindere da ogni valutazione sul fumus, non è ravvisabile nella fattispecie un danno così rilevante che giustifichi l’accoglimento della suddetta istanza.

 

P.Q.M.

Rigetta la domanda di misura cautelare monocratica.

Fissa per la trattazione collegiale la camera di consiglio dell’08/10/2019.

Il presente decreto sarà eseguito dall'Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria del Tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Palermo il giorno 27 agosto 2019.






Il Presidente
Cosimo Di Paola






IL SEGRETARIO

You are here